La Stampa.it del 26/04/2013 Spending review La fine della tangenziale Est (per ora...)


Fine della tangenziale Est.  Ma sempre in guardia…
 

Fonte: http://www.lastampa.it/2013/04/26/cronaca/tagli-della-regione-ecco-le-opere-che-non-si-faranno-qV5CcFSev4YszevMlG6EwI/pagina.html

26/04/2013 Tagli della Regione Ecco le opere che non si faranno 

I fondi per lo sviluppo dirottati per coprire i debiti
Niente Tangenziale Est e corridoio di corso Marche

ALESSANDRO MONDO
Invariati. Confermati, ma al ribasso. Azzerati in attesa di tempi migliori. Sono gli importi del cosiddetto «Fas», il Fondo di Sviluppo e Coesione (già Fondo per le Aree Sottoutilizzate), impegnati nel 2011 e riconsiderati dalla Regione: la quale, com’è noto, punta a disimpegnare parte di queste risorse per coprire i debiti pregressi maturati sulla sanità (867 milioni) e sul trasporto pubblico locale (340), entrambi soggetti a piani di rientro inderogabili monitorati dal Govern o.  ì

La selezione  
Strade, collegamenti ferroviari, metropolitana, bus a basso impatto ambientale, logistica, messa in sicurezza del territorio, ma anche Cultura e Turismo: di tutto di più. Tempo di esami per decine di progetti, passati agli infrarossi dall’assessorato al Bilancio per capire quali somme confermare e quali rinviare a tempi migliori: quando i conti saranno risanati e la Regione potrà tornare a contrarre mutui per finanziare gli investimenti.  

Fino ad allora, bisognerà fare di necessità virtù. Significa scegliere cosa salvare e cosa accantonare per liberare risorse, mettendo in conto le proteste di territori che in diversi casi attendono da decenni la realizzazione di opere importanti: grandi progetti mescolati a una miriade di interventi minori per tempistica, complessità e spesa, ma non per questo secondari. 

 I criteri  
L’unico modo per resistere all’assalto alla diligenza - cioè alle pressioni di sindaci, assessori (compresi quelli della giunta regionale), consiglieri a tutti i livelli, politici-feudatari e imprenditori - è basare la selezione su criteri oggettivi. In primis, quello del buonsenso. Per questo Gilberto Pichetto, vicepresidente della giunta regionale e assessore al Bilancio, ci tiene a premetterli. In alcuni casi, specie se si tratta di interventi dalla tempistica lunga, il rinvio è determinato dall’iter procedurale, non avviato o alle prime battute. In altri pesa la mancanza del confinanziamento statale, europeo o degli enti locali. In altri casi ancora, si attende l’esito di bandi da indire o in corso d’opera.  

Metrò e Torino-Ceres  
Va da sè che anche l’impatto sulla collettività, unito alla necessità di mantenere il passo con opere complementari, fa la differenza. Due esempi per tutti: il prolungamento a Sud della linea uno del metrò torinese e la realizzazione del collegamento ferroviario Torino-Ceres con il nodo ferroviario di Torino, entrambi confermati.  

TangEst e corso Marche
Anche così, due pezzi da novanta come l’ormai famosa Tangenziale Est e il Corridoio plurimodale di corso Marche - strategici per la viabilità ma ancora in fase embrionale - vedranno temporaneamente ridursi il rubinetto delle risorse impegnate. Per le ragioni di cui sopra, è stato azzerato il budget per progettare le fermate Dora e Zappata, tra i capisaldi del Sistema Ferroviario Metropolitano. 

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 26 Aprile 2013 08:45 )

Leggi tutto...

 

Marcia per la Terra - Domenica 21 aprile 2013 aTORINO

Ore 9.30: raduno in Via Garibaldi 13 a Torino, presso la sede dell’Istituto Sereno Regis

 

In occasione della marcia nazionale, organizzata a Cuneo dal Forum “Salviamo il Paesaggio – Difendiamo i Territori” per il pomeriggio del 21 aprile 2013, il Comitato per il Torinese del Forum propone a tutte le associazioni impegnate a vario titolo nel territorio torinese nella difesa dei beni comuni la creazione di un’occasione d’incontro e azione di sensibilizzazione e informazione dei cittadini riguardo agli svariati “progetti locali a rischio”.

 

Eccone un elenco esemplificativo, relativo al territorio metropolitano torinese: grattacielo Intesa San Paolo - Spina 3 - Cavallerizza - terreno ex Westinghouse - Castello di Lucento - Continassa - Palazzo del Lavoro - Parcheggi sotterranei vari - “favelas” di Lungo Stura Lazio - parcheggio Gran Madre - terreno ex Isvor (C.so Massimo D.Azeglio) - Parco Michelotti - Murazzi - parcheggio Piazza Maria Teresa - ruota panoramica del Valentino - Bertolla - Cenisia (ex Diatto). Per non parlare delle decine e decine di “progetti” in ambito provinciale, quali ad esempio il TAV Val Susa, l’Inceneritore del Gerbido, il Parco Fotovoltaico della Vauda, la Tangenziale Est, il Crossodromo Tetti Valfrè a Orbassano, ecc.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 10 Maggio 2013 07:38 )

Leggi tutto...

 

La Stampa.it del 23/03/2013 La Regione dirotta i fondi statali

La Stampa.it del 23/03/2013 La Regione dirotta i fondi statali...
A rischio il metrò e il passante e.... anche le infrastrutture, tra le quali la tangenziale Est..
Leggi l'articolo... 

 

“La collina che vogliamo”. Mostra di fotografie e documenti dei luoghi minacciati dalla tangenziale Est di Torino. Alla libreria Trebisonda di Torino.


La collina che vogliamo”. 
Mostra di fotografie e documenti dei luoghi minacciati dalla tangenziale Est di Torino. 

Serata di inaugurazione Venerdì 5 aprile alle ore 19 presso la libreria Trebisonda in Via Sant’Anselmo 22 a Torino.
(La mostra sarà in esposizione fino alla fine di Aprile) 

Nella serata ci sarà la presentazione del libro  "Sentieri della Collina Torinese"

Interverranno:
Stefano Camanni, coautore con Furio Chiaretta
Mario Orsi di Pro Natura e del Coordinamento dei sentieri
e il giornalista Maurizio Pagliassotti autore del libro "Chi comanda Torino"

La locandina della serata...

Altr info su Trebisonda libri...

Alcune foto della serata


 

Anteprima di alcune immagini della mostra....

 

http://youtu.be/5VpL228xxBc

 


Ultimo aggiornamento ( Lunedì 06 Maggio 2013 13:40 )

 

DIFENDI IL TUO FUTURO! 23 marzo Manifestazione No Tav


Ancora una volta invitiamo tutti e tutte a manifestare contro questo scellerato progetto che con il passare del tempo, l’avanzata della crisi economica nazionale e internazionale, diviene sempre più inutile e insostenibile, non solo per il nostro territorio ma per tutto il Paese.
Su un punto vogliamo essere chiari, quest’opera, nonostante il battage pubblicitario che la circonda, fa sempre più acqua da tutti i punti di vista e sopratutto, man mano che si delineano le fantasiose tempistiche dei fan del tav, si conosce sempre più a fondo la reperibilità dei fondi per la sua realizzazione. Quello di cui Governo e tifosi vari non parlano mai è l’essenza del finanziamento necessario per la Torino Lione, tutto ed esclusivamente pubblico, ovvero sottratto ad altri settori per essere spostato su questo binario morto.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 13 Marzo 2013 09:12 )

Leggi tutto...

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 26

Banner
Banner
breve cronistoria..
Banner
Ultime simulazioni foto


Get the Flash Player to see this player.

time2online Joomla Extensions: Simple Video Flash Player Module
Banner
Banner
La bellezza da "i cento passi"


Get the Flash Player to see this player.

time2online Joomla Extensions: Simple Video Flash Player Module
Come progettano la tangest
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Chi è online
 75 visitatori online
Cerca